Nuove serie tv

Sons of Anarchy su Wired Italia Una volta c’era una rivista di nome Wired Italia, incentrata sulla tecnologia e l’innovazione. Purtroppo ha chiusto, forse più per motivi editoriali che altro, e a me un po’ è dispiaciuto. Nel suo ultimo numero, datato Luglio/Agosto 2015, ha pubblicato un articolo dal titolo “100 serie TV che non ti faranno più uscire di casa”. Alla sezione “Drama”, un angolo ha attirato la mia attenzione (lo riporto in foto). Parla di Sons of Anarchy, serie che veniva paragonata nientepopodimeno che a Breaking Bad, anche se poi stranamente riceveva 3 pallini su 5 (contro i 5 su 5 di BB).
Insomma, quando ho letto l’articolo sono stato tentato di guardare questa serie, ma poi ha vinto la pigrizia, perché la fonte principale di puntate fino a poco tempo fa erano i torrent (tranne rari casi di serie passate da amici o parenti).
Poi è arrivata la rivoluzione. In realtà è stata una di quelle rivoluzioni che arrivano sempre un po’ tardi e che semplicemente ti fanno sentire in un posto quasi normale (cioè come il resto del mondo). Un po’ come quando l’azienda locale dei trasporti ha implementato il biglietto elettronico (con accesso NFC alla metropolitana). Sto parlando di Netflix, la celebre Tv on demand. Ora sto felicemente guardando Sons of Anarchy, usando il telefonino e la Chromecast (che finora era servita solo per guardare uno streaming da Google, purtroppo al momento ancora troppo caro e soprattutto senza abbonamento). Già che ci siamo, guardo anche Prison break, un’altra serie nuova solo per me. Ogni tanto ci scappa anche un film, il catalogo non è vastissimo ma comunque abbastanza fornito.
Non saprei dire se effettivamente Sons of Anarchy sia paragonabile a Breaking Bad, ma di sicuro è una gran bella serie.

Lost finito

E dunque il telefilm che forse ha segnato una svolta nel panorama televisivo è giunto alla sua naturale conclusione. Io sono riuscito a vedere l’ultima puntata solo ieri sera. In questi giorni ho cercato, con alterne fortune, di dribblare tutti gli spoiler che popolavano la rete. Sapevo per certo che molti non avevano gradito il finale. Aggiungo la mia opinione, per quanto inutile.
Partiamo da quello che non mi è piaciuto, che è più banale: troppi nodi rimasti irrisolti. Ma su questo sono veramente poco originale, quasi scontato. Ma forse mia ha deluso di più che non sia saputo più nulla di Mister Eko, che per me era un personaggio niente male. Nemmeno Michael è tornato, ma su questo non credo che nessuno si stracci le vesti.
Passiamo allora a quello che mi è piaciuto. Tutte (o quasi) le coppie si sono riunite, l’amore ha vinto! E lo so, sono un romanticone, ma tutte le scene di riunificazione amorosa mi hanno fatto venire i brividi. Uno dei leit motiv della serie, il “si vive insieme, si muore soli” è stato finalmente ribaltato. Il padre di Jack lo dice chiaramente, “non si muore da soli”. E infatti Jack non muore da solo, sia sull’isola (dove Vincent gli tiene compagnia), sia nella realtà alternativa/paradiso. E poi l’ultimo fotogramma, speculare al primo della prima puntata, con l’occhio che si chiude.
Già si parla di finali alternativi, ma questo resterà l’unico vero.
Ora vado a sviscerare siti, video, wikipedie, lostpedie, ecc. ecc. ecc.

Serie

Lo scorso weekend ho finito di vedere la seconda stagione di Lost, grazie al mulo e a SilverDrake (che fa dei bei dvdrip). Quindi so tante cose che nessuno di voi mortali (tranne chi ha il satellite) sa. So cosa c’è nella botola, so perché è caduto l’aereo. Voi no, pappappero! 😛
Namaste, e buona fortuna!

Intanto ho finito anche la prima stagione di 24 e ho iniziato la seconda. Questo telefilm probabilmente sarà sconosciuto ai più, e lasciatemi dire che è un peccato. Purtroppo in Italia è stato trasmesso solo su sat e su rete4 (ma in orari improbabili, mentre avrebbe meritato la prima serata). È stato anche citato in una puntata di House.

il peggio e il meglio

In questi giorni gira in TV l'ennesimo spot di 3 con Amendola. La spalla di turno è la famigerata Paris Hilton.

Secondo me questo è uno dei più brutti spot della storia. Lei è un ciocco di legno, inespressiva come poche e con un tono monocorde aggravato da un pesante accento.
Ma ieri è successo l'imprevedibile. I geniali creatori dello spot sono riusciti a peggiorare il pessimo: Paris è stata doppiata da una tizia italiana che fa un vago accento "ammmericano". Solo che il doppiaggio si sente lontano un miglio, visto che la versione precedente ha girato per giorni.

All'estremo opposto questo bellissimo spot di Breil. Senza parole, commento musicale perfetto, molta atmosfera