Decennio Leo

Questa settimana Leonardo è arrivato alla fatidica doppia cifra. Dieci anni è il primo compleanno importante, è l’età di Timmy Turner, l’età di Marty la Zebra, l’età di Bart Simpson! L’avvenimento non poteva che essere celebrato con una festa alla sua altezza, a tema Star Wars, preparata dalla bravissima Francesca con grande cura, sia sui dettagli (guardate i tovagliolini in foggia di lightsaber, per non parlare del contenitore) sia sulla torta (tanto buona quanto elaborata). Cosa posso aggiungere, io che festeggio un decennio da papà? Questi ultimi dieci anni sono stati bellissimi, ma sono sicuro che i prossimi saranno anche migliori.

festa del papà 2015

IMG_20150319_131820 IMG_20150319_131903 Devo approfittare finché sono in tempo, ancora qualche anno e i regali/lavoretti della festa del papà saranno un ricordo! Quest’anno doppio regalo, finalmente anche Gabriele è tornato a produrre, per cui mi sono beccato un bellissimo bersaglio con “Papà hai fatto centro nel mio cuore” (da Gabri) e una mega tazzina di caffè (con tanto di cioccolatino e zucchero veri, che probabilmente gli ri-regalerò, da Leo) con “Se tutti i papà del mondo fossero delle mani, la tua sarebbe quella che stringerei”. Bonus aggiuntivo (sempre da Leo), una cravattina con poesia in inglese “Father’s day”

Gabriele 7

Leo Gabri Stavolta, invece delle tradizionali foto in fila anno per anno, preferisco fare un bel confronto tra fratelli gemelli mancati: con tre anni di ritardo, ecco Gabriele che festeggia il suo compleanno come aveva fatto Leonardo a suo tempo. Anche se forse con minore entusiasmo ;)

Big hero 6

Ieri sono andato al cinema con figli, un fratello e un nipote. Il film/cartone era Big Hero 6, su proposta del suddetto fratello. A me in realtà l’idea non entusiasmava, avendo visto solo qualche pezzo di trailer, ma mi sono dovuto ricredere. La storia ha un’ambientazione futuristica/fantascientifica ed è sicuramente godibile. Il cattivone a un certo punto mi ricordava un po’ Lord Business di Lego Movie (ma chissà se non fosse una citazione…) e in più di una scena ho avuto l’impressione (abbastanza comune con i cartoni recenti) di videogioco (cioè di un’azione da cui si possa ricavare direttamente un videogioco).
Se andate a vedere il film, rimanete a vedere i titoli di coda: noi cinque l’abbiamo fatto, insieme a due sole altre persone (su una sala quasi piena) e siamo stati premiati da una breve scenetta comica.

Supplemento, 25/1/2015: caso probabilmente unico, siamo tornati al cinema per una seconda visione, con la scusa che Francesca aveva mancato la prima. Come sempre, in questi casi si riescono a cogliere molti dettagli in più, non dovendo necessariamente seguire la storia per non perdere il filo. Confermo la prima buona impressione, in alcuni punti mi sono pure commosso (còre de burro).